L’olio di Cocco

Che cos’è?

Estratto dalla polpa della noce di cocco, palma tropicale, si presenta come una massa solida al di sotto dei 25 27 gradi ed è liquida sopra tale temperatura, di colore avorio e odore gradevole. Deve essere conservato ben chiuso per evitarne il deterioramento.

Gli studi tossicologici confermano che l’olio di cocco non presenta alcuna tossicità e possiede una notevole sicurezza d’uso ma bisogna sempre usare un olio di cocco di qualità.
Può sembrare un controsenso che gli olii possano essere impiegati per favorire la riduzione del peso corporeo: ma è vero per l’olio di cocco, in quanto estremamente ricco di acidi grassi a catena media, capaci di produrre molta energia, indurre senso di sazietà e non essere accumulati nel tessuto adiposo.
Olii e grassi naturali sono costituiti da trigliceridi di acidi grassi: in base alla lunghezza della catena si distinguono acidi grassi a catena corta, a catena media (tipici dell’olio di cocco) e lunga (sono quelli maggiormente diffusi).
Gli acidi grassi a catena media, denominati anche MCFA vengono metabolizzati in maniera completamente diversa rispetto agli acidi grassi a catena lunga LCFA.
Gli acidi grassi a catena lunga vengono assorbiti con difficoltà nel tratto gastrointestinale, necessitano dell’intervento degli enzimi pancreatici e dei sali biliari, di conseguenza vengono assorbiti solo a livello intestinale.
Gli acidi grassi a catena media dell’olio di cocco sono assorbiti facilmente dal tratto gastrointestinale, senza richiedere l’intervento degli enzimi pancreatici quindi senza affaticare il pancreas, entrano nel circolo portale attraverso il quale giungono direttamente nei mitocondri epatici dove, senza richiedere l’intervento della carnitina palmitoil transferasi, vengono rapidamente ossidati con produzione di energia, pertanto gli acidi grassi dell’olio di cocco non vanno a legarsi alle lipoproteine, non vengono ceduti ai tessuti ed in particolare non vengono accumulati nel tessuto adiposo producendo invece molta energia e inducendo così senso di sazietà.

Quando è utile

Grazie alle sue proprietà protegge ed idrata i capelli, li rende più luminosi, morbidi e previene le doppiepunte.
Prima dello shampoo inumidire i capelli, ammorbidire l’olio di cocco con il calore delle mani e distribuirlo bene tra i capelli, aiutando con un pettine. Lasciare agire per 15-20 minuti e poi proseguire con lo shampoo.

Può essere usato come balsamo per il corpo, come crema idratante o post epilazione.

Ottimo per rinforzare unghie deboli miscelando piccole dosi di olio di cocco con acqua calda e qualche goccia di olio essenziale di limone, unire tutto in una ciotola e mettere le unghie a bagno per ristrutturare, nutrire e schiarire.

Proprietà

Ricco di vitamina C, vitamina E, diverse vitamine del gruppo B, ferro, magnesio, fosforo, potassio, contiene un elevato numero di antiossidanti per rallentare il processo di invecchiamento, contiene grassi sani, il che implica anche la protezione dal rischio di problemi cardiaci, allevia le infiammazioni delle articolazioni, contiene selenio che funziona come antiossidante, il magnesio e il calcio, stabilizza la pressione sanguigna ed aiuta l’ipertensione.

Il prodotto assunto per via orale, va utilizzato nell’ambito di una dieta variata ed equilibrata seguendo uno stile di vita sano.
Non superare le dosi giornaliere raccomandate. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni.

Effetti fisiologici di cocco olio: azione di sostegno e ricostituente, trofismo della cute.

Modalità d’uso: due cucchiaini da caffè due volte al giorno, prima dei pasti.